Viti per legno e viti per isolante: quali scegliere

Ferramenta
1/04/2019

In commercio esistono svariati tipi di viti che si differenziano per forma, dimensione, robustezza.

Noi, da diversi anni, per quanto riguarda la viteria, e più in generale la ferramenta da costruzione, ci affidiamo alla Rothoblaas.

Rothoblaas è un’azienda italiana, con sede in Trentino-Alto Adige, che ci garantisce prodotti di qualità, certificati come da normativa CEE, ad alto contenuto tecnologico e molto performanti.

Rothoblaas ha una gamma che comprende più di 40 diverse tipologie di viti.
La scelta, per un non addetto ai lavori, potrebbe rivelarsi assai ardua, vediamo di semplificare!

placehold

Vi serve una vite semplice per fissaggi legno-legno?

Scegliete la vite HBS

E’ la più classica delle viti per legno, ma ha, comunque, delle caratteristiche notevoli:

    • materiale: queste viti sono in acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca. Questo tipo di acciaio è altamente resistente.
    • punta autoforante: è molto appuntita è con una filettatura che garantisce una rapida e performante presa iniziale. Nelle viti è presente un intaglio sulla punta che evita il rischio di spaccature nel legno. La vite potrà, così, essere inserita anche vicino all’estremità del legno senza che questo si spacchi.
    • filettatura: il passo del filetto dipende dal diametro e dalla lunghezza della vite. Un passo lento e preciso è l’ideale per viti piccole, mentre un passo veloce è indicato per viti lunghe, in modo da velocizzare i tempi di avvitamento. Il particolare filetto asimmetrico delle viti Rothoblaas aumenta la capacità di penetrazione nel legno.
    • testa: con inserto torx, è piccola e svasata e nel sottotesta sono presenti degli svasatori molto taglienti (ribs) che garantiscono una finitura di superficie perfetta.
    • misure: le misure disponibili sono tantissime, si parte dalle mm 4×60 fino alle mm 12×600.
placehold

Vi serve una vite per fissaggi legno-legno con una maggiore forza di accoppiamento?

Scegliete la vite TBS

E’ l’evoluzione della HBS in quanto è in tutto e per tutto uguale alla precedente, eccezione fatta per la testa.
La testa delle viti TBS è infatti più larga, come se ci fosse incorporata anche la rondella.

I vantaggi derivanti da questo tipo di testa sono molteplici:

  • elevata “capacità di tiro”, avendo la testa larga, questa non entra nel legno, aumentando quindi la tenuta nell’accoppiamento tra due legni.
  • il filetto può essere più lungo rispetto alle viti classiche
  • garantisce un’elevata resistenza alla trazione, che permette di evitare ulteriori fissaggi laterali.

Le misure disponibili sono meno rispetto alle HBS, in quanto questo tipo di vite è utilizzato esclusivamente per lavori di una certa consistenza.
Le viti TBS sono disponibili in soli tre diametri, 6mm, 8mm o 10mm, e la lunghezza varia dagli 8cm ai 40cm.

placehold

Vi serve una vite per fissaggi legno-legno ancora più massicci?

Scegliete una vite WT

Si tratta di uno speciale tipo di vite, o meglio, di un connettore a doppio filetto.

E' l'ideale per giunzioni, rinforzi, accoppiamenti legno-legno in cui lo sforzo da trazione è notevole.

Il diametro e il diverso passo tra i due filetti garantiscono un elevato "effetto di tiraggio" e chiusura della giunzione.
In questo caso lo sforzo a trazione sulla vite non sarà sopportato dalla testa, ma dal doppio filetto.

Questa tipologia di vite è omologata sia per essere utilizzata su travi di larghezza ridotta, sia per essere avvitata in direzione parallela alla fibra e quindi su qualsiasi pendenza.

Anche queste viti sono in acciaio al carbonio ma rivestite in "durocat" per aumentarne la resistenza alla corrosione.

placehold

Vi serve una vite per fissare i pacchetti di copertura?

Scegliete una vite DGZ

Si presenta esteticamente simile alla precedente, ma è specifica per isolante.

Viene solitamente utilizzata sui "pacchetti" di copertura per fissare il listello di ventilazione e l'isolante morbido, senza però che quest'ultimo venga schiacciato.

La vite dev'essere inserita con un'inclinazione di 60° rispetto alla falda del tetto.
Il numero e la direzione delle viti varia a seconda che si tratti di isolante più o meno morbido.

Condividi su: